Alternanza Scuola Lavoro

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

Descrizione del Progetto

PREMESSA L’alternanza scuola-lavoro viene istituzionalizzata con la legge n.53 del 2003; il D.Lgs. n.77/2005 ne stabilisce le norme generali e definisce l’alternanza “una modalità di realizzazione dei corsi del secondo ciclo, sia nei sistemi dei licei sia nei sistemi dell’istruzione e della formazione tecnica e professionale, per assicurare ai giovani, oltre alle conoscenze di base, l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro” (art. 1, comma 1°, D.Lgs. n. 77/2005) Ulteriori riferimenti normativi sono il D.M. 234 del 26.6.2000 e il D.M. 47 del 13.06.2006, che prevede la “flessibilità organizzativa,didattica e di autonomia di ricerca, sperimentazione e sviluppo, secondo quanto previsto dal Piano dell’offerta Formativa di ciascuna istituzione scolastica”, utilizzando nell’ambito del monte ore curricolare la flessibilità, prevista fino al massimo del 20%. E’ da considerare, inoltre, la Legge 296/06 comma 622 che eleva l’età per l’accesso al lavoro da 15 a 16 anni. Coerentemente con i DD.PP.RR. 87 – 88 e 89 del 15 marzo 2010 e con le successive linee guida, l’alternanza scuola lavoro valorizza la formazione congiunta tra scuola e mondo del lavoro, finalizzata all’innovazione didattica e all’orientamento degli studenti. La legge n.128/2013 rafforza l’alternanza scuola – lavoro per gli studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria e pone particolare attenzione alle attività di orientamento (Linee guida nazionali per l’orientamento permanente). Recenti provvedimenti legislativi, legge 107 del 13 luglio 2015, tendono a potenziare l’offerta formativa in Alternanza Scuola-Lavoro inserendo organicamente questa strategia didattica nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione (art.1.commi 33 – 45).

PRESENTA IL PROGETTO: ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE “G.PENNA” Cod. mecc. ATIS004003 sito in Loc. Viatosto, 54 14100 Asti (AT) Con sedi associate: Istituto Tecnico Agrario di Asti e Istituto Enogastronomico di San Damiano d’Asti

VALIDITA’ ANNO SCOLASTICO 2016/2017

FINALITA’:

Le attività previste dal progetto sono state individuate sulla base di esperienze che storicamente hanno contribuito a costruire un raccordo stretto e cooperativo con le realtà istituzionali, formative e produttive del territorio. Le attività si realizzeranno all’interno dei percorsi curriculari cercando di attuare un modello di alternanza come approccio metodologico che possa contribuire allo sviluppo delle competenze trasversali e professionali in uscita. La struttura del progetto si basa su diverse forme di intervento come:

– STAGES

– ESERCITAZIONI ESTERNE

– PROGETTI INTERNI ED ESTERNI ALL’ISTITUTO

– LEZIONI CON ESPERTI ESTERNI

– VISITE GUIDATE/VIAGGI DI ISTRUZIONE

– ORIENTAMENTO IN USCITA

– RAPPORTI CON ORDINI PROFESSIONALI

– COLLABORAZIONE CON ASSOCIAZIONI CULTURALI E DI CATEGORIA

Il progetto si prefigge le seguenti finalità: 

Realizzare un organico collegamento con il mondo del lavoro.

Favorire l’orientamento, scoprire le strategie di mercato e sviluppare idee imprenditoriali che possano garantire una giusta collocazione del ragazzo nel mondo del lavoro.

Ri-motivare allo studio e valorizzare le eccellenze riducendo al minimo la dispersione scolastica.

Sviluppare le competenze comunicative e organizzative dei singoli ragazzi.

Favorire la realizzazione di percorsi che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica.

Arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l’acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro.

SINTESI DELLE ATTIVITÀ PROPOSTE:

Il progetto ha inizio con la formazione nella quale si attuano una serie di interventi finalizzati all’ottimizzazione dei percorsi di alternanza scuola lavoro, svolti durante l’anno scolastico. Gli interventi mirano a raggiungere i seguenti obiettivi: 

Approcciare in sicurezza alla pratica lavorativa sapendo valutare i possibili rischi evolutivi nell’ambito dell’azienda.

svolgere una formazione orientativa, finalizzata a fornire agli studenti informazioni specifiche e indicazioni utili per scelte formative che possano favorire il successivo inserimento professionale.

Acquisire conoscenze tecniche specifiche finalizzate all’ inserimento degli allievi in azienda.

DESTINATARI

Sono coinvolti nei percorsi di alternanza scuola-lavoro prevista dalla legge 107/2015 i soggetti frequentanti le classi terze e quarte dell’Istituto tecnico Agrario e dell’Istituto enogastronomico di San Damiano. Gli allievi frequentanti le classi classi V si allineeranno nell’anno scolastico 2017/2018.

Percorso d’Alternanza Scuola Lavoro:

Sintesi Articolazione progettuale: Classi terze Classi quarte (secondo quanto previsto dalla legge 107/2015)

1. Laboratori di orientamento al lavoro: auto imprenditorialità, colloquio e assessment, strumenti di marketing, definizione dell’obiettivo professionale.

2. Corso di formazione sulla sicurezza generale d.lgs. 81/08.

3. Incontri informativi in aula finalizzati alla formazione specifica richiesta nelle singole aziende (attività didattica curriculare e laboratoriale, costruzione di gruppi di lavori, brain storming, role playing, lezione frontale).

4. Visite presso Enti e Aziende (Organizzazioni Sindacale di Categoria, aziende locali e su territorio nazionale, ecc.).

5. Nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro e dell’autonomia scolastica si collocano le attività di esercitazione nel laboratorio di sala bar sito nella sede di Asti dell’istituto Penna. Gli studenti si eserciteranno, durante la mattinata, per 6 ore nella produzione di frullati, bevande e prodotti di caffetteria e di piccola pasticceria da bar che sono stati svolti durante il programma di sala bar della classe terza; tutti i cibi e le bevande saranno preparati con prodotti freschi di stagione e a km zero, in modo fornire il massimo delle proprietà nutrizionali. I preparati degli alunni del corso sala, verranno successivamente proposti ai bambini partecipanti al centro estivo in modo da fornire bevande, snack e merende salutari e fresche che uniscano la formazione professionale degli allievi con l’educazione dei ragazzi del centro estivo in modo da esaltare le competenze professionali degli alunni del corso di sala bar.

VALUTAZIONE E RISULTATI ATTESI

Alla scuola compete la valutazione in itinere, assegnata durante il percorso al tutor aziendale che seguirà il ragazzo e al contempo al tutor scolastico che avrà il compito di relazionarsi con l’azienda e seguire il ragazzo risolvendo sostanzialmente tutte le sue criticità.

Questionari, report, test di verifica, griglie di osservazione, ecc. consentiranno di valutare le fasi del processo di apprendimento sviluppato in contesti lavorativi reali; ai ragazzi è richiesta una valutazione dell’esperienza in termini di auto percezione delle proprie competenze disciplinari e trasversali. A conclusione dei percorsi in alternanza secondo la modalità del tirocinio, la scuola in collaborazione con le istituzioni formative, rilascia una certificazione relativa alle competenze acquisite nei periodi di apprendimento“fuori dall’aula”. Sostanzialmente nella fase di valutazione il tutor della scuola dopo aver analizzato la valutazione espressa dall’azienda, commuterà il punteggio aziendale in punteggio scolastico da sottoporre al CdC.

In fase di attribuzione del credito scolastico e secondo una tabella studiata ad hoc avverrà la conversione tramutandola credito scolastico (aggiunta di max 1 punto). Nell’alternanza, secondo la modalità del tirocinio, le esperienze di lavoro contribuiscono al credito scolastico e sono parte integrante dei percorsi formativi. Diverso è il ruolo che la valutazione avrà sui percorsi di alternanza nelle classi terze in quanto la legge 107/2015 introduce elementi di novità rispetto “alla possibilità per lo studente di esprimere una valutazione sull’efficacia e sulla coerenza dei percorsi stessi con il proprio indirizzo di studio”. Inoltre il percorso coinvolge l’attività di tutto il CdC che, sulla base di una programmazione condivisa, parteciperà a tutte le fasi della formazione esprimendo quindi valutazioni sulle competenze disciplinari (tecnico-professionali e linguistiche) e trasversali (capacità di lavorare in gruppo, capacità di assumersi responsabilità,…).

A conclusione non mancheranno verifiche di gradimento somministrate mediante: questionari di autovalutazione rispetto all’andamento dell’esperienza e alla soddisfazione degli alunni. Sono inoltre proposte verifiche dei livelli di competenze trasversali e professionali raggiunti mediante griglie di osservazione.

COMPETENZE DI BASE:

Conoscenza dell’organizzazione e delle sue funzioni; conoscenza delle regole, strutture e ruoli; conoscenza del settore e della posizione dell’azienda nel mercato.

Sapersi Relazionare in TEAM, COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI: integrazione dei saperi teorici e loro contestualizzazione; abilità operative, metodologie di lavoro specifiche.

COMPETENZE TRASVERSALI:

Responsabilizzazione rispetto al compito e al successo dell’organizzazione,capacità di relazionarsi, coordinarsi con altri,cooperare nei gruppi di lavoro,sviluppare capacità diagnostiche e impostare procedure risolutive rispetto ai tempi, alle risorse e alle tecniche a disposizione

DOCENTI COINVOLTI

Alla realizzazione del progetto partecipa un gruppo di lavoro costituito da: Docenti coordinatori del progetto prof. MUSICA Valerio Docenti tutor e referenti per stage formativi proff. Demaria A., Berzano M., Turcato A., Torregrossa S., Di Prisco A., Navarra C., Zunino G., Moccia G., Prudentino A., Conta L..

Docenti Formatori: Proff. Prudentino A., Secco S., Laustra P.

ESPERTI ESTERNI

Professionisti e imprenditori del mondo economico-produttivo del territorio;

  • PERSONALE NON DOCENTE / AMMINISTRATIVO
  • PERSONALE AMMINISTRATIVO
  • PERSONALE ASSISTENTE TECNICO
  • PERSONALE COLLABORATORE ADD. AZ. AGRARIA
  • PERSONALE DI CUCINA E SALA-BAR

BENI E SERVIZI RICHIESTI

Laboratori di informatica – Aula Magna per conferenze – Aula Lim (per formazione specifica), laboratori di BIOLOGIA, CHIMICA, FISICA, PROD: ANIMALE,CUCINA, SALA-BAR Azienda Agraria. MONITORAGGIO ATTIVITA’ SVOLTE Valutazione consegnata alla fine del percorso ASL dai tutor e rendicontazione delle ore svolte da tutte le altre figure professionali e docenti indicate nel testo del presente progetto. La rendicontazione dovrà essere prodotta solo ed esclusivamente con le tabelle allegate nella modulistica associata al progetto.

ASPETTI ECONOMICI E PAGAMENTI

Tabella Ripartizione Costi.

 

ACCESSO PIATTAFORMA DI GESTIONE ASL SPERIMENTALE:

clicca sull’immagine…